L’ASSOCIAZIONE


“IL MONASTERO TIBETANO” è un’Associazione di Volontariato senza finalità di lucro, apolitica, nata dall’esigenza di operare in campo umanitario e benefico, perseguendo esclusivamente finalità di solidarietà sociale, preservare e divulgare il patrimonio di conoscenze del Buddhismo Tibetano, ritenuto portatore di valori etici non violenti e utili all’intera umanità, favorendone lo studio e la pratica.
L’Associazione, è stata fondata il 15 Ottobre del 2011 ed ha sede nel Comune di Cisterna di Latina (LT), in Via Tivera n.2B, dove negli anni ha svolto la propria attività nel rispetto delle finalità espresse da statuto, crescendo sia a livello di partecipazione numerica (conta al momento n. 350 Soci iscritti per l’annualità 2015) sia nelle attività proposte, che sono rivolte ad un target vasto e diversamente composto per età, etnia, cultura, interessi e credo.

L’Associazione nasce per volontà del Maestro Ghesce Lobsang Sherap in collaborazione con il Monastero “Gaden Jangtse Thoesam Norling” in India, uno dei Den-sa sum ovvero i tre grandi monasteri del Tibet distrutti dall’invasione cinese. Venne poi ricostruito in India dove il popolo tibetano è ancora ad oggi esiliato, ed ospita 2.500 Monaci. E’ ad oggi un Centro importantissimo per la diffusione del Buddhismo e della pratica della non violenza, nonchè un riferimento forte per i Centri che negli anni si sono sviluppati in Italia come nel resto del mondo, collaborando tra loro per il perseguimento della diffusione della filosofia che li accomuna.
Tra questi, forte è la collaborazione del’Associazione “IL MONASTERO TIBETANO” con l’ “Istituto Kalachakra” di Lugano (Svizzera), il “Centro di Studi Buddhisti Giang Ciub” di Paladina (BG), il “Naro Centre” di Arezzo (AR), il “Centro Giamzè – Amore e Compassione” di Roma (RM), con il Venerabile Khantrul Rimpoche ed suoi discepoli internazionali e con la comunità buddhista cinese internazionale.

Il Monastero ad ogni modo, offre non solo insegnamenti Buddhisti, ma una programmazione di attività culturali rivolte alla crescita interiore della persona. Il Buddhismo è infatti una filosofia di vita, che non preclude l’appartenenza ad altra fede religiosa, e viene quindi studiato e praticato dai più, per un beneficio che va al di la del credo, permettendo di sviluppare consapevolezza e rispetto nei confronti di ogni altro essere vivente.
L’Associazione lavora nella direzione indicata da S.S. XIV Dalai Lama per salvaguardare la cultura tibetana, per diffondere gli insegnamenti dei Buddha, per sostenere il popolo tibetano in esilio in India e nella fascia dell’Himalaya, con attività umanitarie e progredire sul sentiero interreligioso ed interculturale; offre aiuto concreto ai Tibetani ed ai profughi Tibetani, residenti in Italia e non, contribuendo al miglioramento della qualità di vita attraverso interventi mirati ed offre sostegno anche ad altri gruppi etnici in difficoltà, attraverso forme e modalità diverse, anche in collaborazione con altre associazioni /enti similari.

“IL MONASTERO TIBETANO” inoltre, porta avanti da anni attività a sostegno del popolo Tibetano mediante l’adozione a distanza, in collaborazione proprio con l’Associazione “KAILASH ONLUS” e diversi progetti a sostegno del popolo Tibetano e dell’Himalaya nonché del Monastero di Gaden in India, dove la Guida Spirituale dell’Associazione “IL MONASTERO TIBETANO”, Maestro Ghesce Lobsang Sherap, è riconosciuto come grande portavoce della cultura Tibetana in occidente e fondatore di diversi Centri di Dharma ed Associazioni umanitarie in Italia.

La gestione del Centro è affidata al Comitato Direttivo così composto:

Guida Spirituale: Ghesce Lobsang Sherap
Presidente: Valerio Simonetti
Vice Presidente: Roberto Lattanzi
Tesoreria: Antonio Longo e Lama Tashi
Ufficio di Segreteria: Simona Fioravanti e Lama Kelsang
Consiglieri: Danilo Di Pietro

Importantissimo il contributo dei Soci e dei tanti Volontari che operano quotidianamente presso la struttura, mettendo a disposizione il proprio tempo, le proprie capacità e competenze, per il bene dell’Associazione e di tutti coloro che frequentano “IL MONASTERO TIBETANO”.

Salva